Tags: Recensione Westerdigital Scorpio Blue WD7500BPVT 750GB 2.5 test

wdfScorpioBlue_PVTOggi andremo ad analizzare in redazione un nuovo disco prodotto da Western Digital, si tratta di un modello con form factor da 2.5” ed una capacità di archiviazione di ben 750GB. Si tratta del modello WD7500BPVT appartenente alla serie Scorpio Blue che garantisce ottime performance ed elevate capacità di memorizzazione dati.

 Western Digital è uno tra i più noti produttori mondiali di periferiche di memorizzazione, in particolare si è distinta con i suoi dischi rigidi ad elevate prestazioni. L’azienda, fondata nell’Aprile del 1970 con il nome di General Digital, fu per un periodo breve produttrice di strumenti di test per i semiconduttori MOS. In seguito divenne capace di produrli da se, grazie ai capitali offerti dagli investitori e dall'Emerson Electric. Nel 1971 adottò l’attuale nome Westernditial e si trasferì a Newport Beach, in California.

FOTO_VELOCIRAPTOR_-_002

Ricordiamo che il suo primo prodotto fu il WD1402A UART. Nel 2001 fu la prima società a offrire dischi rigidi PATA con 8MB di cache buffer. Fu anche la prima a produrre, nel 2003, un disco Serial ATA alla velocità di 10.000RPM, si tratta di una serie che ebbe un successo enorme nel mercato dei dischi rigidi grazie alle prestazioni elevatissime, si tratta del ben noto nome Raptor. Nel 2008 presentò il suo diretto successore, il VelociRaptor, che ha il vanto di essere il primo disco da 2.5” a 10.000RPM mai prodotto.

A oggi, dopo ben 40anni di attività, l’azienda continua a sorprendere con prodotti ad alto contenuto tecnologico e di assoluta qualità. Il disco rigido che andremo ad analizzare in queste recensione ha una capacità da ben 750 GB ed ha un fattore forma di 2.5” ed un regime di rotazione di 5.400 rpm. Ha un interfaccia SATA di seconda generazione e fa parte della serie Scorpio Blue e viene identificato commercialmente con la sigla WD7500BPVT.

wdfScorpioBlue_PVT



 


Aspetto esteriore e caratteristiche tecniche:

Prima di approfondire le caratteristiche tecniche analizziamo l’unità disco dal punto di vista esteriore, come vedremo dalle foto sottostanti si tratta di un’unità da 2.5” comune. Prendendolo nelle mani notiamo subito la particolare leggerezza e lo spessore del disco che risulta davvero poco ingombrante, rispetto ad un più tradizionale disco con form factor da 3.5”. Di seguito potete osservare l'aspetto esteriore.

IMGP0253 IMGP0254 

IMGP0255 

IMGP0256 IMGP0257

IMGP0278

(un hdd da 3.5" ed il 2.5" messi vicini)


Le caratteristiche tecniche del disco prodotto da western Digital possono essere esemplificate nel seguente schema:

specifiche 

Le caratteristiche dichiarate dal produttore di questo disco sono davvero molto interessanti. Innanzitutto per questa serie Scorpion Blue, Western Digital ha previsto diverse capacità di archiviazione dati che partono dal modello con  160GB fino ad arrivare al modello con ben 1TB come massima capacità di memorizzazione. Come tipo di interfaccia Western Digital ha in catalogo anche il tradizionale PATA ancora largamente usato in molti notebook, sopratutto non di recente produzione, mentre per i modelli più recenti abbiamo il SATA 1.5 GB/s e  il SATA 3 GB/s.  Le dimensioni sono di Altezza 9,5 mm e di Profondità 100,2 mm, il modello da 1 TB ha invece un’altezza maggiore visto la sua capacità più elevata rispetto agli altri modelli, infatti troviamo 12.5 mm. Le dimensioni come facilmente intuibile sono conformi allo standard con fattore forma di 2.5”.

wdfScorpioBlue_PVT2 wdfScorpioBlue_PVT3

L'esclusivo WhisperDrive™ di Western Digital combina avanzatissimi algoritmi di puntamento per ottenere dischi rigidi più silenziosi, inoltre questi algoritmi ottimizzano anche il modo in cui un'unità esegue la ricerca dei dati, migliorando significativamente il consumo energetico ed ottenendo maggior durata della batteria nel caso in cui vengano usati in sistemi portatili. 

La tecnologia ShockGuard di Western Digital protegge la meccanica dell'unità e le superfici del piatto dagli urti. La tecnologia SecurePark™ parcheggia le testine di registrazione lontano dalla superficie del disco durante la rotazione e quando l'unità è spenta. Ciò garantisce che la testina di registrazione non tocchi mai la superficie del disco ottenendo una migliore affidabilità nel lungo periodo a causa della minore usura della testina e una migliore tolleranza agli urti. Abbiamo inoltre la presenza di una tecnologia di formattazione avanzata per aumentare le efficienze nel formato dei supporti, consentendo quindi di produrre dischi con maggiore capacità (solo per i modelli PVT).

 

 


Configurazione di sistema e metodologia dei test:

Per i test prestazionali ci siamo avvalsi dei componenti descritti nello schema in sottostante. Il disco è stato collegato ad una scheda madre con controller Intel P55 in grado di gestire anche sistemi raid di ultima generazione, il controller Intel  deriva da un ich10r. La scheda madre è una Asus Maximus 3 Formula dotata di caratteristiche avanzate di overclock ed abbinata ad una cpu Intel i7 875k con moltiplicatore sbloccato. Anche i dischi per il sistema operativo sono prodotti da Western Digital e sono il modello Caviar Black con capacità da 1TB ed interfaccia Sata3, la sigla identificativa è WD1002FAEX.

Il modello da 2.5"  oggetto di questa recensione è lo Scorpio Blue WD7500BPVT con capacità da 750GB. Ecco la configurazione usata, riassunta nella tabella sottostante:

configurazione_sistema 

I software che abbiamo usati per analizzare le prestazioni del disco rigido prodotto da Western Digital sono:

  • Sistema Operativo Windows 7 64bit Ultimate
  • HD Tune Pro 4.60 (scrittura e lettura)
  • Atto Disk benchmark 2.46
  • HD Tach 3.0.4.0
  • Crystal Disk Mark 3.0
  • Pc Mark Vantage (solo test dischi)

 

 


Test Prestazionali (parte prima):

Andiamo ad analizzare le prestazioni del disco rigido prodotto da Western Digital. Per l'analisi delle prestazioni abbiamo usato diversi software di benchmarking atti a misurare le effettive prestazioni del disco rigido, trovate l’elenco dettagliato nella pagina precedente.

In questa pagina troviamo i test con la suite completa HD Tune Pro 4.60 sia in lettura sia in scrittura, inoltre abbiamo misurato gli IOPS.

3.0_Rhdtune_WD2.5 3.0_Whdtune_WD2.5

RHdtune2 Whdtune2

Analizzando i risultati possiamo notare una velocità sia in scrittura sia in lettura davvero elevata, non comune a questo tipo di dischi rigidi. In lettura abbiamo un average di ben 76,8 MB/s con access time di 18.2 ms. In scrittura abbiamo invece una velocità media di 73,8 MB/s con un tempo di accesso di 20.5 ms. Gli IOPS misurati invece sono piuttosto contenuti sia in scrittura sia in lettura.


 


Test Prestazionali (parte seconda):

Continuiamo la seconda parte dei test al disco Western Digital con gli altri test, il disco meccanico è analizzato con HD Tach, Atto Disk Benckmark, Crystal Disk Mark ed infine con la suite di Pc Mark Vantage solo riferita ai test disco.

HD_tach atto

crystaldisk pcmarkvantage

Sostanzialmente i test sottolineano ciò che abbiamo avuto modo di analizzare con HD Tune, ossia velocità di scrittura e lettura elevate. L’uso di questo disco è pensato ovviamente per Pc portatili, ma non soltanto, infatti è possibile abbinarlo a sistemi a basso consumo. Per la ricerca della massima efficienza energetica con ottime prestazioni complessive.

 


Conclusioni:

thumb_FOTO_VELOCIRAPTOR_-_COPPETTA

Prestazioni : 5 stelle
Rapporto qualità/prezzo: 4,5 stelle - copia
Complessivo : 4,5 stelle

 

Dopo aver analizzato il disco sotto tutti i punti di vista prestazionali e tecnici, vediamo di esprimere un giudizio. Dal punto di vista prestazionale il disco ha fatto registrare prestazioni velocistiche davvero elevate, non usuali per questa tipologia d’uso. Altra aspetto che ci ha colpito è l’estrema silenziosità durante il funzionamento che resta a tutti gli effetti inudibile durante l’uso comune, i dati parlano di ben 22 dBA (media) in modalità inattivo e di 25 dBA (media) durante la modalità di accesso. Il disco non ha mai presentato problemi durante il suo funzionamento ed è stato sempre molto reattivo. Altro aspetto da sottolineare è il suo consumo davvero irrisorio Western Digital, abbiamo infatti in Lettura e Scrittura ben 1,6 Watt, mentre durante la fase di inattività un valore record di 0,65 Watt, in Standby 0,20 Watt ed in Sospensione 0,20 Watt. Western Digital  identifica la serie Scorpion Blue con tre frasi:

  • Ottima capacità
  • Minor consumo energetico
  • Particolarmente freddo e silenzioso

In effetti le tre frasi ci appaiono davvero appropriate per questo disco, la capacità in questa serie arriva fino a 1 TB di spazio di archiviazione, ormai siamo proprio ai livelli dei dischi desktop, i consumi come evidenziato sopra sono su livelli estremamente bassi, e se aggiungiamo l’estrema silenziosità di funzionamento abbiamo un quadro completo che non può far che assegnare il massimo dei voti a questo prodotto.

wdfScorpioBlue_PVT

L’uso di questo disco è pensato principalmente per sistemi mobile quali pc portatili, ma possiamo dire con certezza che può essere usato su sistemi di tipo desktop in questo modo possiamo avere una capacità di archiviazione elevata, abbinata ad un disco dalle ottime performance con consumi estremamente contenuti. Per coloro che vogliono assemblare un pc con occhio di riguardo ai consumi è senza dubbio una scelta ben oculata, il prezzo di questo prodotto parte da circa 90€ nel mercato retail italiano.


Gianni Marotta